Top
Home
Scrivi
Aggiungi ai preferiti
Feed RSS
Bottom

Telespazio a Farnborough

Riferimento | Europa | Industria |

Telespazio, una società Finmeccanica/Thales, partecipa all’edizione 2010 del Salone aerospaziale di Farnborough, che si terrà a Londra dal 19 al 25 luglio. Tra i principali operatori al mondo nel campo dei servizi satellitari, Telespazio è presente sia nello stand del Gruppo Finmeccanica che nel padiglione che il Salone di Farnborough dedica allo Spazio, nello stand dell’Agenzia Spaziale Italiana (ASI).
Telespazio presenterà a Londra le principali attività nel campo delle operazioni spaziali, delle comunicazioni integrate, della navigazione satellitare, dei programmi scientifici e dell’osservazione della Terra. Inoltre, illustrerà il proprio ruolo in alcuni dei grandi programmi spaziali, quali Galileo, COSMO-SkyMed, GMES, SICRAL e Göktürk.

Presso lo stand Finmeccanica, Telespazio attiverà un collegamento quotidiano con il contingente italiano impegnato in Afghanistan attraverso il sistema satellitare SICRAL. Con due satelliti in orbita, lanciati nel 2001 e nel 2009, SICRAL è il sistema satellitare italiano per le comunicazioni militari realizzato da Telespazio e da Thales Alenia Space, che ne hanno curato la progettazione, la realizzazione, i servizi di lancio e di messa in orbita. Il 7 maggio scorso le due aziende hanno firmato con il Ministero della Difesa italiano e con l’Agenzia della Difesa francese (DGA) il contratto per la realizzazione di Sicral 2 e del relativo segmento di Terra. Sicral 2, che sarà lanciato nel 2013, è un programma frutto della cooperazione tra Italia e Francia in grado di potenziare le capacità di comunicazioni satellitari militari già offerte dai satelliti Sicral 1 e 1B e dal sistema francese Syracuse. Il nuovo satellite sarà in parte finanziato da Telespazio che, come per il precedente Sicral 1B, potrà quindi disporne di parte della capacità satellitare per offrire servizi di comunicazioni ai Paesi della NATO.

A Farnborough, Telespazio illustrerà inoltre le applicazioni geospaziali sviluppate dalla controllata e-GEOS (80% Telespazio, 20% Agenzia Spaziale Italiana) su dati radar e ottici ad altissima risoluzione. Tali soluzioni sono rivolte al mercato istituzionale e business (difesa, industria, sorveglianza marittima, gestione delle emergenze, agricoltura e catasto) e possono essere visualizzate su sistemi innovativi quali Google Earth Enterprise e Google Earth Portable.

e-GEOS commercializza in tutto il mondo i dati COSMO-SkyMed, la costellazione italiana dell’ASI e del Ministero della Difesa basata su una costellazione di quattro satelliti radar in grado di operare in ogni condizione atmosferica, giorno e notte, e con tempi di rivisitazione molto frequenti. I primi tre satelliti COSMO-SkyMed, lanciati tra il 2007 e il 2008 (il quarto sarà lanciato nel prossimo mese di ottobre), sono controllati dal Centro Spaziale del Fucino di Telespazio, mentre i dati acquisiti per le applicazioni civili sono raccolti e processati dal Centro Spaziale di Matera.

Telespazio è impegnata con un ruolo di primo piano nello sviluppo di EGNOS (European Geostationary Overlay Navigation System) e di Galileo, il programma europeo di navigazione satellitare che prevede il lancio di 30 satelliti. Presso il Centro Spaziale del Fucino, in Abruzzo, Telespazio ha realizzato uno dei Centri di Controllo che gestiranno i satelliti e le attività del sistema. Il Galileo Control Centre (GCC) del Fucino, una infrastruttura di circa 5000 mq che a regime ospiterà oltre 200 operatori, gestirà l’invio del segnale di navigazione ai satelliti garantendo altresì la qualità del servizio offerto agli utenti finali. Un secondo Centro di controllo è stato realizzato dall’Agenzia spaziale tedesca (DLR) a Oberpfaffenhofen (Monaco di Baviera). La gestione operativa dei due centri è stata affidata a Spaceopal, una società costituita pariteticamente da Telespazio e dalla DLR che avrà la responsabilità di fornire i servizi operativi e logistici necessari alla gestione e al controllo della costellazione satellitare, dalla prima fase IOV (In Orbit Validation) con i primi 4 satelliti operativi (che saranno lanciati nel 2011) fino alla piena operatività del sistema.

Con una lunga esperienza acquisita nel settore delle telecomunicazioni, Telespazio oggi sviluppa e fornisce servizi per nuovi sistemi satellitari e realizza e gestisce reti di comunicazioni integrando soluzioni satellitari e terrestri per rispondere efficacemente ai bisogni dei mercati business e istituzionale, dei settori media e broadcaster, degli operatori globali di telecomunicazioni. A Farnborough, in particolare, l’azienda presenterà il sistema per le comunicazioni mobili satellitari Inmarsat BGAN (Broadband Global Area Network), che garantisce comunicazioni a larga banda ovunque nel mondo e le soluzioni innovative offerte nel campo dell’homeland security, della telemedicina, dell’e-government e della formazione a distanza.

(Telespazio)

Tags | · |
Letture:



Lascia un commento

Nome: (Required)

E-mail: (Required)

Website:

Comment:

Aeronautica Militare Italiana Afghanistan AgustaWestland Airbus Military Alenia Aermacchi Alenia Aeronautica BAE Systems Boeing Darpa DCNS Difesa Antimissile EADS ESA Eurocopter Eurofighter Typhoon F-35 Lightning II JSF Fincantieri Finmeccanica General Dynamics Gripen India Italia KC-767 LCS Lockheed Martin M346 Marina Militare Italiana Marine Nationale MBDA Network Centric Warfare Northrop Grumman Raytheon Royal Air Force Royal Navy Russia SAAB Selex Galileo Selex Sistemi Integrati Sukhoi Telespazio Thales Thales Alenia Space UAV/UAS UCAV United Technologies

Aerospazio (475)
Americhe (302)
Analisi (11)
Asia e Pacifico (99)
Esercito (118)
Europa (469)
Industria (172)
Marina (229)
Medio Oriente e Africa (69)
Uncategorized (3)

WP-Cumulus by Roy Tanck and Luke Morton requires Flash Player 9 or better.