Top
Home
Scrivi
Aggiungi ai preferiti
Feed RSS
Bottom

UK invierà nuovi veicoli corazzati in Iraq e Afghanistan

Riferimento | Esercito | Europa |

mwmik.jpg
Il Ministero della Difesa Inglese acquisirà con urgenza 130 veicoli 4×4 MWMIK, basati sul Supacat HMT 400, al fine di soddisfare il requisito operazionale delle truppe inglesi in Iraq e Afghanistan per un mezzo corazzato medio per pattugliamenti in grado di aumentare sicurezza mobilità e carico trasportabile.
Il nuovo veicolo, definito “un Land Lover a base di steroidi”, può trasportare 4 soldati completamente equipaggiati e verrà armato con il WMIK (Weapons Mounted Installation Kit) standard dei mezzi inglesi da ricognizione e supporto ravvicinato di fuoco, che comprende una mitragliatrice GPMG (general purpose machine gun) da 7.62mm, un lanciagranate ALGL (Automatic Lightweight Grenade Launcher) GMG della Heckler & Koch o in alternativa la mitragliatrice pesante calibro .50.
Nonostante sia un veicolo dal peso di 4 tonnellate, l’MWMIK potrà raggiungere una velocità di 130 Km/h e operare su differenti tipologie di terreni, compresi scenari desertici (Iraq) o rocciosi/sconnessi (Afghanistan).
Le consegne ai reparti nei teatri operativi avverrà all’inizio del 2008.

La Nimitz si unisce alla 5a Flotta

Riferimento | Americhe | Marina | Medio Oriente e Africa |


Il gruppo d’attacco guidato dalla portaerei nucleare USS Nimitz arriva nell’area di operazioni della quinta flotta, compresa tra il Golfo Persico, Mar Arabico, Mar Rosso, Golfo di Aden e Oman e Oceano Indiano, per compiti di sicurezza marittima in funzione antiterrorismo e traffici illeciti, fornendo allo stesso tempo supporto aereo alle forze di terra impegnate negli scenari iraqeni e afghani.
Il Nimitz CSG (Carrier Strike Group) prende il posto del Dwight D. Eisenhower CSG, mantenendo in questo modo una presenza fissa di due portaerei nel medio-oriente (affiancherà la USS John C. Stennis).

Giornata di forti scontri in Iraq e Afghanistan

Riferimento | Medio Oriente e Africa |

Le forze aeree della coalizione sono state coinvolte in massicce operazioni su due fronti in supporto alle forze di terra impegnate nella counterinsurgency sia in Iraq che in Afghanistan, in risposta alle catene di attentati e offensive terroristiche nelle 2 regioni.
Un B-1B ha compiuto missioni di bombardamento con GBU-31 su un edificio vicino Garmsir dove gli insorgenti tenevano sotto scacco le truppe della coalizione, mentre F-15E Global Hawk e Predator fornivano ricognizione e intelligence, e Harrier GR-7 della Royal Air Force appoggio di fuoco.
In totale 52 missioni di close air support (CAS) sono state compiute nella giornata di domenica in aiuto alle forze di sicurezza afghane e internazionali, con apparenti successi secondo il Joint Tactical Air Controller.

Segue »

Aeronautica Militare Italiana Afghanistan AgustaWestland Airbus Military Alenia Aermacchi Alenia Aeronautica BAE Systems Boeing Darpa DCNS Difesa Antimissile EADS ESA Eurocopter Eurofighter Typhoon F-35 Lightning II JSF Fincantieri Finmeccanica General Dynamics Gripen India Italia KC-767 LCS Lockheed Martin M346 Marina Militare Italiana Marine Nationale MBDA Network Centric Warfare Northrop Grumman Raytheon Royal Air Force Royal Navy Russia SAAB Selex Galileo Selex Sistemi Integrati Sukhoi Telespazio Thales Thales Alenia Space UAV/UAS UCAV United Technologies

Aerospazio (475)
Americhe (302)
Analisi (11)
Asia e Pacifico (99)
Esercito (118)
Europa (469)
Industria (172)
Marina (229)
Medio Oriente e Africa (69)
Uncategorized (3)

WP-Cumulus by Roy Tanck and Luke Morton requires Flash Player 9 or better.