Top
Home
Scrivi
Aggiungi ai preferiti
Feed RSS
Bottom

Conclusa la campagna di volo del radar Gabbiano

Riferimento | Aerospazio | Europa |


E’ stata completata la prima campagna di volo del radar Gabbiano T20N (versione con potenza media di 20W, amplificatore allo stato solido ed antenna nasale) a bordo dell’elicottero AgustaWestland AW139.

La campagna di volo ha permesso di confermare le capacità e le performance del radar in tutte le modalità operative: Sorveglianza con Track While Scan (TWS), Search and Rescue, SAR (Synthetic Aperture Antenna) ad alta risoluzione, ISAR (Inverse Synthetic Aperture Antenna), Navigazione con Ground Mapping, Weather Avoidance e Beacon.

Durante i test, in più occasioni, il radar ha dimostrato le sue prestazioni avanzate: in volo sulle Prealpi lombarde, è stato in grado di individuare una nave al largo di Genova (ad una distanza di 100MN) ed estrarne il profilo ISAR.

Il radar T20N fa parte della famiglia Radar Avionici Gabbiano che comprende versioni caratterizzate da diverse potenze di trasmissione (20W medi con trasmettitore a stato solido, 200W medi con trasmettitore TWT) e da diverse configurazioni (antenna nasale o antenna ventrale).

Le dimensioni e i consumi ridotti lo rendono compatibile con tutte le piattaforme ad ala fissa e rotante, con speciale riferimento a quelle di piccole dimensioni come gli uav, per compiti di homeland security (lotta ai traffici illeciti di droga, controllo dei confini, immigrazione, terrorismo), sorveglianza ambientale e marittima, missioni SAR e CSAR.

Dal suo lancio sul mercato, avvenuto circa 2 anni fa, il radar Gabbiano nelle sue diverse configurazioni è stato selezionato da diversi clienti in tutto il mondo per equipaggiare i velivoli ATR42 MP, Beechcraft B350, AW139 e come componente di sistemi costieri di sorveglianza radar.

(Selex Galileo)

SELEX Galileo partecipa alla creazione di un Tornado Training Centre a Ghedi

Riferimento | Aerospazio | Europa |


SELEX Galileo, società di Finmeccanica, ha concluso l’attività di trasferimento ed allineamento del primo dei due simulatori di addestramento dei velivoli Tornado presso la base di Ghedi. SELEX Galileo ha messo in atto un complesso piano di interventi che comprende ristrutturazioni, trasferimenti ed adeguamenti delle basi di Gioia del Colle e Ghedi e degli strumenti di training dell’Aeronautica Militare. Le attività hanno comportato il trasferimento del simulatore Tornado Gioia del Colle a Ghedi, l’adeguamento della struttura esistente presso la base con la costruzione di una nuova infrastruttura ed altre attività accessorie ed impiantistiche per ospitare il simulatore aggiornato E-OFTS (Enhanced Operational Flight Trainer Simulator).

Il simulatore del Tornado E-OFTS ora può vantare un nuovo display a “Cupola” con un campo visivo aumentato a 270°x130°, oltre ad altri aggiornamenti di configurazione (RET6 e “armamento intelligente”) che hanno contribuito ad incrementare le capacità di training operativo degli equipaggi.
Con questi miglioramenti, il simulatore Tornado entra pienamente e completamente nella categoria “Full Mission Simulator” e come tale offre la massima copertura in termini di funzionalità mirata all’addestramento di pilota e navigatore. Inoltre, per la sua estrema modularità e versatilità, il simulatore può essere utilizzato in ogni fase della missione assegnata ai reparti per effettuare missioni operative/addestrative sia sul territorio nazionale che su qualsiasi altro teatro operativo.

Recentemente il 6° Stormo della base di Ghedi ha brillantemente superato le prove di valutazione per la prontezza operativa “TacEval” della NATO. Ciò è stato possibile anche grazie all’intenso lavoro di preparazione del personale sul Simulatore Tornado in configurazione E-OFTS.

(Selex Galileo)

Torrette Janus Navale per la Marina Militare

Riferimento | Europa | Marina |

SELEX Galileo, società di Finmeccanica, ha firmato un contratto con la Marina Militare per la fornitura di torrette elettro-ottiche denominate Janus Navale, un prodotto derivato dal noto Janus per applicazioni terrestri. Il Janus Navale verrà installato a bordo di pattugliatori della Marina Militare della classe Costellazioni. Le unità navali sono di ultima generazione e sono regolarmente impiegate in Italia e all’estero per il controllo anti immigrazione.

Il sensore fornito da SELEX Galileo andrà a potenziare ulteriormente la capacità di sorveglianza dei pattugliatori, accrescendo la situational awareness complessiva. La fornitura, oltre alle teste elettro-ottiche, si compone anche di una interfaccia uomo/macchina che consentirà all’operatore di gestire tutte le funzionalità del Janus Navale quali la visualizzazione dello scenario, l’identificazione dei target e la registrazione delle immagini, sia di giorno che di notte.

“Questo contratto ci consente di aggredire con successo un nuovo segmento di mercato e rappresenta quindi per l’azienda un momento importante. Siamo inoltre soddisfatti degli ottimi risultati che sono stati raggiunti, sia in termini di prestazione che commerciali, dal nostro sensore infrared search and track SASS navale. Partendo dall’esperienza del SASS e del Janus Terrestre (in uso ad esempio sul VBM Freccia), abbiamo lavorato al lancio di questo prodotto, il Janus Navale, per il quale siamo fiduciosi ci siano ottime opportunità di mercato”, ha dichiarato Fabrizio Giulianini, Amministratore Delegato e Direttore Generale di SELEX Galileo SpA.

SELEX Galileo ha inoltre acquisito di recente contratti per la fornitura di sistemi elettro-ottici di sorveglianza su stazione fissa (tipo NEMO) e portatili (binocolo multifunzione derivato del prodotto LINX) in un paese nord africano.

(Selex Galileo)

Finmeccanica al TechFOr, il 3° Salone internazionale delle tecnologie per la sicurezza

Riferimento | Europa | Industria |

Elsag Datamat, SELEX Sistemi Integrati, SELEX Communications e SELEX Galileo, aziende di Finmeccanica, partecipano a TechFOr, il 3° Salone internazionale delle tecnologie per la sicurezza che si è aperto ieri a Roma e continuerà fino al 20 maggio. Il Gruppo presenta la propria offerta di soluzioni integrate ad ogni livello per la realizzazione di un sistema di sicurezza in grado di proteggere persone, territori, infrastrutture, siti sensibili da ogni tipo di minaccia, dal terrorismo ai disastri naturali, dai rischi legati alla sicurezza nelle grandi metropoli a quelli che riguardano infrastrutture critiche e confini.

Elsag Datamat espone la propria offerta di prodotti e soluzioni a supporto delle forze dell’ordine: il lettore targhe automobilistiche, i sistemi biometrici, la videosorveglianza, i sistemi per la sicurezza delle comunicazioni e delle reti, le reti di sensori unattended e il poligono di tiro multimediale. Durante il TechFOr, nell’ambito del Premio “Innovazione e sicurezza” saranno premiati due progetti cui ha partecipato Elsag Datamat relativi rispettivamente all’analisi del rischio e del livello di sicurezza di siti fisici complessi, ed al sistema integrato per il controllo delle pattuglie sul territorio dei Carabineros de Chile (vincitore per la categoria “sistemi per la sicurezza urbana e dei cittadini”), cui Elsag Datamat ha contribuito con la fornitura del PSS (Patrol Support System). Elsag Datamat partecipa anche al ForumPA (padiglione 7 – stand 21B), l’evento dedicato alla Pubblica Amministrazione che si svolgerà contestualmente al TechFOr, proponendo Master di formazione su alcune delle tematiche di interesse del ForumPA 2010. Tra gli argomenti trattati, il Web 2.0, il VoIP, la “sicurezza gestita”, il disaster recovery e l’ottimizzazione dei costi energetici.

SELEX Sistemi Integrati presenta una Sala di Controllo per la gestione di grandi eventi che espone la riproduzione video del sistema utilizzato per garantire la sicurezza durante l’ultimo vertice G8. Nell’ambito del vertice, infatti, la società ha avuto il ruolo di prime contractor per la progettazione e l’implementazione di un sistema integrato che ha consentito al Dipartimento della Protezione Civile di presidiare l’evento. Attraverso diverse strutture, che hanno fatto capo ad un Centro di Coordinamento, è stato possibile raccogliere, analizzare, coordinare ed integrare tutti i dati provenienti dalle postazioni delle varie risorse dispiegate (Ministero dell’Interno, Carabinieri, Polizia, Ministero della Difesa) e dai sensori installati per garantire la sicurezza. E’, inoltre, esposto il prototipo del Tavolo Tattico, che può essere impiegato come tavolo operativo multi operatore per le attività delle Forze dell’Ordine e per applicazioni di protezione civile, di difesa navale, di gestione dei sistemi per il controllo del traffico aereo. Il Tavolo Tattico può essere anche utilizzato come supporto per la progettazione tecnica dei sistemi e la gestione della documentazione. SELEX Sistemi Integrati, insieme alla AFCEA capitolo di Roma, ha inoltre organizzato il convegno “Tecnologie abilitanti per la sicurezza: il contributo delle università e dei centri di ricerca” che si svolgerà il 18 maggio nell’ambito dell’esposizione.

SELEX Communications espone alcune delle sue soluzioni per la prevenzione e la gestione di rischi ed emergenze: il sistema ALS (Automatic Location System) per reti TETRA, che consente di rintracciare in maniera efficace, efficiente e sicura persone e veicoli impiegati per vari tipi di servizi, tra cui anche compiti di sicurezza e di emergenza; Elettra Suite PUMA T3-Plus Ex, l’apparato dual mode di nuova generazione per comunicazioni sicure e affidabili, appositamente progettato per ambienti ATEX (ATmosphères ed Explosibles) a rischio di esplosione (industrie chimiche e petrolchimiche, siti produttivi di petrolio e gas naturale); il nuovo terminale dual mode TETRA Elettra Suite PUMA T3-Plus, dedicato a quegli utenti che devono poter contare su qualità e prestazioni elevatissime in situazioni mission critical; PERSEUS WiNN Mobile, la soluzione veicolare di SELEX Communications per comunicazioni voce/dati relative allo stato del veicolo (velocità, stato del motore etc.) e, via GPS, alla sua posizione. Per garantire una connessione efficace e sempre attiva e aumentare la copertura radio, PERSEUS WiNN Mobile è dotato di interfacce multiple per vari tipi di rete.

SELEX Galileo presenta gli Unmanned Aerial Systems (UAS) ASIO, Spyball e Draco, sistemi compatti e leggerissimi, che possono essere gestiti da un’unica stazione di controllo, Ground Control Station. SELEX Galileo ha sviluppato una innovativa suite di sensori elettro-ottici di cui dotare i moderni soldati con un significativo beneficio nella sorveglianza, individuazione delle minacce, acquisizione e puntamento dei bersagli. Fra questi si distingue il LINX, un binocolo multifunzionale inserito solitamente nelle unità che utilizzano osservatori avanzati e pattuglie di ricognizione. Per il soldato, SELEX Galileo ha inoltre sviluppato l’ASPIS, un visore integrato leggero in grado di migliorare le prestazioni durante le missioni sia in operazioni diurne che notturne, e il sistema di controllo del tiro lanciagranate SCORPIO.

(Finmeccanica)

Aeronautica Militare Italiana Afghanistan AgustaWestland Airbus Military Alenia Aermacchi Alenia Aeronautica BAE Systems Boeing Darpa DCNS Difesa Antimissile EADS ESA Eurocopter Eurofighter Typhoon F-35 Lightning II JSF Fincantieri Finmeccanica General Dynamics Gripen India Italia KC-767 LCS Lockheed Martin M346 Marina Militare Italiana Marine Nationale MBDA Network Centric Warfare Northrop Grumman Raytheon Royal Air Force Royal Navy Russia SAAB Selex Galileo Selex Sistemi Integrati Sukhoi Telespazio Thales Thales Alenia Space UAV/UAS UCAV United Technologies

Aerospazio (475)
Americhe (302)
Analisi (11)
Asia e Pacifico (99)
Esercito (118)
Europa (469)
Industria (172)
Marina (229)
Medio Oriente e Africa (69)
Uncategorized (3)

WP-Cumulus by Roy Tanck and Luke Morton requires Flash Player 9 or better.