Top
Home
Scrivi
Aggiungi ai preferiti
Feed RSS
Bottom

Scheda Tecnica: F-35 Lightning II (Joint Strike Fighter)

Riferimento | Aerospazio |


AVIONICA
I sistemi avionici dell’F-35 Lightning II forniscono al pilota una quantità e qualità di informazioni senza precedenti per mezzo di una sensor fusion spinta.
L’F-35 è equipaggiato con radar AESA (Active Electronically Scanned Array) AN/APG-81 prodotto da Northrop Grumman, capace di ingaggiare simultaneamente multipli bersagli aerei e terrestri a grande distanza, incrementando la situational awareness e la letalità del sistema, nonchè fornire capacità di guerra elettronica. Nelle operazioni aria-aria può svolgere ricerca passiva e multi-targeting, inseguimento ed ingaggio di bersagli in BVR (Beyond Visual Range) con aggiornamento della loro posizione 15 volte al secondo.
Nell’aria-suolo può operare in modalità SAR (Synthetic Aperture Radar) diretta fornendo immagini ad alta risoluzione ognitempo e cartografia dettagliata, o in modalità passiva, riuscendo per esempio a identificare bersagli in mare basandosi sullo spostamento d’acqua.


DAS (Distributed Aperture System) – il sistema AN/AAS-37 si basa su un gruppo di sensori integrati nel velivolo in grado di avvolgere l’F-35 in una sfera protettiva fornendo al pilota un’immagine passiva dell’ambiente circostante per mezzo di continue informazioni su minacce aeree o missilistiche (missile/aircraft warning) in arrivo, con ampia visuale notte/giorno, e supportando la navigazione in cooperazione con il sensore FLIR (Forward Looking Infrared). In condizioni di combattimento aria-aria con bersaglio fuori asse il pilota, attraverso il DAS, può per esempio scegliere un’area di interesse e passarla dal display multifunzione touch-screen (MFD) al suo elmetto HMDS (Helmet Mounted Display System), che sostituisce il tradizionale HUD proiettando tutte le informazioni sulla visiera del casco, e puntare la sua testa verso l’obiettivo, agganciarlo e sparare. Il sistema può assistere il pilota in fasi delicate come l’atterraggio proiettandolo in uno scenario libero da ostacoli visivi a 360°, fornendo una visuale globale all’infrarosso senza l’ingombro dell’abitacolo, utile anche in fase di verifica dei risultati dell’attacco (BDI – Bomb Damage Indication).

EOTS (Electro-Optical Targeting System) – L’EOTS, alloggiato in una torretta integrata sul ventre anteriore del muso del velivolo, è un sistema di puntamento aria-aria (IRST) e aria-suolo (FLIR) composto da sensori passivi ognitempo all’infrarosso, puntatori laser e camera TV in grado di elaborare l’immagine di un bersaglio indicato dal radar e processarla per fornire al pilota una panoramica completa dell’obiettivo, potendolo per esempio zoommare fino a 4x rendendo possibile al pilota distinguere singole persone a grande distanza (oltre 16 Km e 3000 metri) o analizzare la traccia termica residua.

Suite CNI (communication, navigation and identification) – Sistema di comunicazione navigazione e identificazione basato su software e ricevitori UHF/VHF e Link 16 in grado di provvedere all’indentificazione Friend or Foe BVR, assicurare comunicazioni protette e scambi dati a larga banda via data link fra diverse piattaforme, aiuto alla navigazione e interfacciamento reciproco in ambiente net-centrico fra diversi assetti in diversi segmenti (terrestre navale aereo e spaziale) grazie al network SATCOM, che garantisce trasferimenti di dati infrasatellitari ad alta velocità mediante comunicazioni laser.

ARMAMENTO
Il compito primario dell’F-35 è l’attacco al suolo ed è in grado di trasportare internamente tutto l’armamento necessario a portare a termine la sua missione. Se aggiungiamo le stazioni esterne, è possibile integrare a bordo del Lightning II ogni genere di ordigno in uso e in progettazione, dal JASSM alle SDB, dalle Paveway allo Storm Shadow.
L’aereo è dotato di due stive ventrali a doppia apertura nelle quali è possibile trasportare la dotazione standard di 2 AIM-120 AMRAAM (il movimento dei portelli pone l’arma direttamente nel flusso d’aria) e 2 Joint Direct Attack Munition (JDAM) da 2.000 libbre (910 kg). In particolare le misure della baia sono state modellate sulla GBU-31 da 2000 lb e sull’ AGM-154 JSOW, mentre nella versione B, dotata di stive più piccole in funzione del contenimento dei pesi, è possibile trasportare per l’aria-suolo solo JDAM della classe da 1.000lb (GBU-32). L’aereo è dotato di 3 attacchi esterni per semiala da 2.270 kg, 1.135 kg e 136 kg ed uno sotto la fusoliera da 454 kg riservato al pod stealth che ospita il cannone General Dynamics GAU-22A a 4 canne rotanti per le versioni B e C (nella A il cannone è ospitato sul dorso sopra la presa d’aria sinistra).
L’F-35A trasporterà 1.4 volte il carico bellico di un F-16 con una autonomia 2.5 volte superiore e una impronta RCS minore in presenza di carichi esterni. La versione B trasporta il doppio del carico bellico di un AV-8B e la C 1.3 volte la quantità di un F/A-18 con autonomie rispettivamente 1.8 e 2 volte superiori.

PROPULSIONE
Per l’F-35 si è adottatta la strategia di 2 motori intercambiabili turbofan Pratt & Whitney F135 e General Electric/Rolls Royce F136 in grado di garantire le medesime prestazioni.
L’F135 sarà il propulsore principale ed è un’evoluzione del F119-PW-100 che equipaggia l’F-22, ventola a 3 stadi, compressore a 6 stadi, camera di combustione anulare, 2 turbine monostadio ad alta e bassa pressione e postcombustore a 3 stadi. Ugello ad area variabile con petali a dente di sega a bassa osservabilità (LO).
L’F-136 ha una ventola a 3 stadi, compressore a 5 stadi, camera di combustione singola anulare, una turbina a bassa pressione a 3 stadi ed una ad alta a singolo stadio.


Il sistema di propulsione STOVL incorpora modifiche all’ugello dei motori, il quale si basa su una struttura snodabile incernierata a 3 stadi e orientabile (mediante l’apertura automatica di appositi sportelli collocati nella parte inferiore del velivolo) e capace di ruotare fino a 110° verso il basso, permettendo così manovre di precisione in modalità VTOL. Elemento chiave è l’innovativa Shaft Driven Lift Fan (SDLF), con spinta di 20.000 lb, sistema costituito da una ventola a 2 stadi controrotanti con una spinta di 9.000 kg/s, azionata dalla turbina a bassa pressione del motore e orientabile 18° in avanti e 60° indietro. A riposo la ventola è coperta sul dorso da un portello che viene azionato automaticamente. A questa si aggiungono 2 controllori di assetto laterale mediante ugelli orientabili posti uno sotto ciascuna semiala, i quali spillano aria non combusta dal propulsore e la direzionano verso il basso garantendo 860 kg/s di spinta ciascuno.
L’ F-35B può librarsi, atterrare verticalmente, e decollare in poche decine di metri a pieno carico, o decollare verticalmente con carico leggero. Quando il velivolo transiziona dal volo verticale a quello orizzontale con portanza fornita dall’ala, i portelli si chiudono e il pilota può quindi accellerare a velocità supersonica. Il sistema è completamente automatico.

COSTI
Il programma pone l’elemento costo come variabile non indipendente di progetto. Lockheed Martin indica in 45-60 milioni di dollari il costo unitario del velivolo durante la fase di produzione a pieno ritmo per la versione CTOL, mentre un’ipotesi pessimistica vedrebbe i costi lievitare a 110 milioni di dollari.

Per quanto riguarda i costi unitari per i velivoli dei primi quattro lotti di produzione a basso ritmo (non comprendenti il costo del motore, che si aggira sui 19 milioni di dollari per l’F-135, 38 milioni per la versione STOVL) la stima è:

LRIP I (2 aerei): 2 F-35A / Costo unitario 221.2 milioni di dollari

LRIP II (12 aerei): 6 F-35A, 6 F-35B / Costo unitario 161.7 milioni di dollari per la versione CTOL e 160.7 milioni per la STOVL

LRIP III (17 aerei) – 7 F-35A, 7 F-35B, 1 F-35A (Paesi Bassi), 2 F-35B (UK) / Costo unitario 128.2 milioni di dollari per la CTOL e 128 milioni per la STOVL

LRIP IV (31 aerei) – 10 F-35A, 16 F-35B, 4 F-35C, 1 F-35B (UK) / Costo unitario 111.6 milioni per la versione CTOL, 109.4 milioni per la STOVL e 142.9 milioni per la CV

segue a pagina 3



Pagine: 1 2 3 4

Tags | · · · · · · |
Letture:



4 commenti

  1. Rete Disarmo: “Ministro Di Paola, vogliamo discutere seriamente del caccia F-35?” « Blog Ambientalista

    dicembre 22, 2011 @ 1:31 pm

    [...] parte del Ministro-Ammiraglio Giampaolo Di Paola della partecipazione italiana al programma per il cacciabombardiere F-35. Non pensavamo però fosse capace di affermare che non è uno spreco soprattutto dopo le recenti [...]

  2. Rete Disarmo: “Ministro Di Paola, vogliamo discutere seriamente del caccia F-35?” | Paxchristi

    dicembre 29, 2011 @ 9:01 pm

    [...] parte del Ministro-Ammiraglio Giampaolo Di Paola della partecipazione italiana al programma per il cacciabombardiere F-35. Non pensavamo però fosse capace di affermare che non è uno spreco soprattutto dopo le recenti [...]

  3. Rete Disarmo: “Ministro Di Paola, vogliamo discutere seriamente del caccia F-35?” - Allnewz.it | Allnewz.it

    dicembre 30, 2011 @ 3:44 am

    [...] parte del Ministro-Ammiraglio Giampaolo Di Paola dellapartecipazione italiana al programma per ilcacciabombardiere F-35. Non pensavamo però fosse capace di affermare che non è uno spreco soprattutto dopo le recenti [...]

  4. F-35: le origini del bluff | FocusMéditerranée by Independnews

    ottobre 3, 2013 @ 11:11 am

    [...] una della Lockheed. Dopo un attento vaglio dei preventivi  la spuntò la Lockheed con il modello F-35: un aereo di tipo stealth, ovvero difficilmente tracciabile dai [...]

Comment RSS · TrackBack URI

Aeronautica Militare Italiana Afghanistan AgustaWestland Airbus Military Alenia Aermacchi Alenia Aeronautica BAE Systems Boeing Darpa DCNS Difesa Antimissile EADS ESA Eurocopter Eurofighter Typhoon F-35 Lightning II JSF Fincantieri Finmeccanica General Dynamics Gripen India Italia KC-767 LCS Lockheed Martin M346 Marina Militare Italiana Marine Nationale MBDA Network Centric Warfare Northrop Grumman Raytheon Royal Air Force Royal Navy Russia SAAB Selex Galileo Selex Sistemi Integrati Sukhoi Telespazio Thales Thales Alenia Space UAV/UAS UCAV United Technologies

Aerospazio (475)
Americhe (302)
Analisi (11)
Asia e Pacifico (99)
Esercito (118)
Europa (469)
Industria (172)
Marina (229)
Medio Oriente e Africa (69)
Uncategorized (3)

WP-Cumulus by Roy Tanck and Luke Morton requires Flash Player 9 or better.